Un sonno lungo senza sogni

Il commissario delira. Si è seduto sul letto, poi si è abbandonato all’indietro, ha chiuso gli occhi e implorato il sonno di non tardare. So bene che la notte è appena cominciata, pensava, che c’è ancora un chiarore nel cielo, ma io voglio dormire come pare che dorma il sasso, senza gli inganni del sogno, racchiuso per sempre in un blocco di pietra nera, e per favore, se non potrà essere più lungo, almeno fino a domani, quando verranno a svegliarmi alle sette. Il sonno udì il suo appello sconsolato, arrivò di corsa e si trattenne alcuni istanti, poi si ritirò per dargli il tempo di spogliarsi e mettersi a letto, ma tornò subito dopo, non tardò quasi nulla, per rimanere al suo fianco tutta la notte, fugando i sogni lontano, verso la terra dei fantasmi, laggiù, dove, unendo il fuoco con l’acqua, nascono e si moltiplicano.

José Saramago, Saggio sulla lucidità

 

Uomo che dorme, Pablo Picasso

4 thoughts on “Un sonno lungo senza sogni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...