Corsia 1.2

Mia madre sta morendo.
Forse non dovrei scriverlo qui, in un blog dove tutti possono leggere ciò che provo.
Ma la morte non è cosa da nascondere, ne sono sempre più convinta.
Ed il dolore, quello, è sempre uguale.
La morte violenta ci porta via i nostri cari senza preavviso, e chi rimane piange la mancanza ed il non averli potuti salutare.
Mia madre, invece, sta morendo di vecchiaia, col suo corpo sta tornando bambina, sembra quasi voglia scomparire. E le ore scorrono lente, i giorni non hanno più nome, solo so che c’è un conto alla rovescia da fare, ma non so quando inizi.
E così la paura che lei se ne vada quando non ci sarò lì io accanto mi prende e non mi abbandona mai.
Non ha più voce, mia madre, per scherzare con gli infermieri che l’hanno accudita in questo mese e mezzo. Non ha più forza nemmeno per un sorriso.
Ma ieri è riuscita a pronunciare un nome, quello di mio figlio.
E le è caduta una lacrima.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...