“Qui siamo tutti matti”

“Micetto del Cheshire” cominciò un po’ timidamente, poiché non aveva la minima idea se l’altro avrebbe gradito quell’appellativo; ma il Gatto si limitò ad allargare il sorriso ancora di più. “Via, fin qui è contento” pensò Alice, e proseguì. “Vorresti dirmi di grazia quale strada prendere per uscire di qui?”.
“Dipende soprattutto da dove vuoi andare” disse il Gatto.
“Non m’importa molto…” rispose Alice.
“Allora non importa che strada prendi” disse il Gatto.
“… purché arrivi in qualche posto” aggiunse Alice a mo’ di spiegazione.
“Ah, per questo stai pure tranquilla” disse il Gatto, “basta che non ti fermi prima.
Alice trovò la risposta ineccepibile, e pertanto arrischiò un’altra domanda.
“Che tipo di gente abita da queste parti?”
“In quella direzione” disse il Gatto agitando la zampa destra “abita un Cappellaio; e in quella” agitando l’altra zampa “abita una Lepre Marzolina”. Puoi andare a trovare l’uno o l’altra, tanto sono matti tutti e due.”
“Ma io non voglio andare fra i matti” osservò Alice.
“Be’, non hai altra scelta” disse il Gatto “Qui siamo tutti matti. Io sono matto. Tu sei matta.”
“Come lo sai che sono matta?” disse Alice.
“Per forza” rispose il Gatto, “altrimenti non saresti venuta qui.”

da Alice nel paese delle meraviglie, Lewis Carroll

Alice nel paese delle meraviglie, ed. Rizzoli, illustrazioni di Rébecca Dautremer

Alice nel paese delle meraviglie, ed. Rizzoli, illustrazioni di Rébecca Dautremer

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...