Cadute e risalite.

Sto leggendo “Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?”. Bel romanzo.
Racconta la storia di un giovane norvegese che si sarebbe accontentato di essere il numero due, come Buzz Aldrin, secondo astronauta a scendere sul suolo lunare dopo Armstrong. E del quale quasi nessuno (a parte quelli che nel 1969 c’erano e seguirono l’evento) conosce.
Non desidera grandi cose, il nostro Mattias. Continuare ad amare la ragazza di cui si è innamorato ai tempi della scuola, continuare a fare il giardiniere, suo desiderio da sempre. Ma le cose non vanno sempre come noi desideriamo.
Non l’ho finito il libro, sto scendendo nel tempo oscuro di Mattias e tifo per lui. Non posso fare altrimenti.
Ognuno di noi ha conosciuto quel tempo.
Mattias incontrerà delle persone che lo aiuteranno.
Ed io mi sento di dover ringraziare i miei amici, sempre presenti.

Immagine

foto di M. Raffaelli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...